Intelligent Machines

Nov. 14, 2021
©https://www.cdt.ch/la-domenica

Recent technological breakthoughths from Dresden in a piece by Stefano Vastano written for "La Domenica" of the "Corriere del Ticino".

©https://www.cdt.ch/la-domenica

Full article

(in Italian)

Un investimento milionario
Non per niente l’estate scorsa «83North», una delle prime società al mondo nella programmazione software, insieme a Siemens e Microsoft ha investito 35 milioni di euro nella azienda di Dresda. Contribuendo, se ancora ce ne fosse bisogno, a fare di Dresda, della pittoresca «Firenze sull’Elba» come si legge sui depliant turistici, la capitale tedesca dell’informatica e delle aziende e dei centri universitari più avanzati della robotica. «Dal 1990 ad oggi -spiega Gianaurelio Cuniberti, docente di Nanotecnologie all’Università di Dresda- la Germania ha investito oltre 6 miliardi solo nell’edilizia universitaria. Qui si punta tanto nella ricerca, c’è libertà, tanti talenti e risorse». Basti dire che la sede della TechnischeUniversität di Informatica in cui insegna Cuniberti ha ricevuto il premio per la bellezza architettonica dell’edificio (realizzato dallo studio di Dresda Code-Unique). Ed è eccezionale lo «Sniff-robot» che i suoi studenti ci mostrano: fra l’altro serve ad «annusare», col supporto di una rete di droni, perdite di gas o a localizzare ordigni. «La digitalizzazione è una grande chance per creare nuovi posti di lavoro -riassume Cuniberti Cuniberti- ed aprire nuove frontiere di ricerca e di collaborazione fra uomo e robot». Lo dimostrano non solo gli istituti di ricerca che hanno aperto le lorosedi a Dresda (tre istituti Max-Planck, tre centri Leibnitz, istituti Fraunhofer o il centro Helmholtz).

Un guanto con i sensori
Ma anche le varie applicazioni che gli studenti di Frank Fitzek, docente di «Communication Networks» alla TU Dresda espongono al festival di Robotica: ad esempio un «guanto», intriso di sensori, per impartire ordini ad un agilissimo canerobot o in grado di apprendere -infilato nella mano di una pianista- una sonata di Beethoven. Sembrano solo dei giochini intelligenti, ma il futuro prossimo del nostro lavoro sarà gestito da questi cobots.


Related team member

Related projects

Related publications

Intelligent Machines

Nov. 14, 2021
©https://www.cdt.ch/la-domenica

Recent technological breakthoughths from Dresden in a piece by Stefano Vastano written for "La Domenica" of the "Corriere del Ticino".

©https://www.cdt.ch/la-domenica

Full article

(in Italian)

Un investimento milionario
Non per niente l’estate scorsa «83North», una delle prime società al mondo nella programmazione software, insieme a Siemens e Microsoft ha investito 35 milioni di euro nella azienda di Dresda. Contribuendo, se ancora ce ne fosse bisogno, a fare di Dresda, della pittoresca «Firenze sull’Elba» come si legge sui depliant turistici, la capitale tedesca dell’informatica e delle aziende e dei centri universitari più avanzati della robotica. «Dal 1990 ad oggi -spiega Gianaurelio Cuniberti, docente di Nanotecnologie all’Università di Dresda- la Germania ha investito oltre 6 miliardi solo nell’edilizia universitaria. Qui si punta tanto nella ricerca, c’è libertà, tanti talenti e risorse». Basti dire che la sede della TechnischeUniversität di Informatica in cui insegna Cuniberti ha ricevuto il premio per la bellezza architettonica dell’edificio (realizzato dallo studio di Dresda Code-Unique). Ed è eccezionale lo «Sniff-robot» che i suoi studenti ci mostrano: fra l’altro serve ad «annusare», col supporto di una rete di droni, perdite di gas o a localizzare ordigni. «La digitalizzazione è una grande chance per creare nuovi posti di lavoro -riassume Cuniberti Cuniberti- ed aprire nuove frontiere di ricerca e di collaborazione fra uomo e robot». Lo dimostrano non solo gli istituti di ricerca che hanno aperto le lorosedi a Dresda (tre istituti Max-Planck, tre centri Leibnitz, istituti Fraunhofer o il centro Helmholtz).

Un guanto con i sensori
Ma anche le varie applicazioni che gli studenti di Frank Fitzek, docente di «Communication Networks» alla TU Dresda espongono al festival di Robotica: ad esempio un «guanto», intriso di sensori, per impartire ordini ad un agilissimo canerobot o in grado di apprendere -infilato nella mano di una pianista- una sonata di Beethoven. Sembrano solo dei giochini intelligenti, ma il futuro prossimo del nostro lavoro sarà gestito da questi cobots.


Related team member

Related projects

Related publications