The "model Dresden" for Genoa

April 1, 2022

GIANAURELIO CUNIBERTI from Technische Universität Dresden.
He will be the the main speaker at symposium of the the Association "Le Radici e Le Ali"

The Dresden model. In this way the Genoa of Saxony is reborn thanks to research

An article by Francesco Margiocco.


Full article

About half a million inhabitants, a great industrial past, then the crisis and the growth of unemployment. This could be the identikit of Genoa, were it not for the fact that from that crisis the city was reborn with investments in research that made it a national scientific center. The city is Dresden, capital of Saxony, in the former East Germany. Gianaurelio Cuniberti lives and works there, a degree in physics from the University of Genoa and then an international career. "I started when I was young to deal with molecular electronics, a new subject, neither chemistry nor physics. It was my intellectual start-up." At the Technische Universität, where he leads a team of sixty, Cuniberti is surrounded by an environment in constant turmoil. "In Dresden, AMD [now GlobalFoundries], Intel's historic rival , Siemens Semiconductors [now Infineon], Bosch two years ago opened a semiconductor factory. Not only that. In that city there is the largest concentration of Fraunhofer institutes, public centers for applied research, and there are three Max Planck institutes, for basic research." Cuniberti will talk about his German life today at 4 p.m. at a conference organized by the Associazione Le Radici e le Ali (The Roots and the Wings Association) at its headquarters in Via dei Giustiniani, 12. The entrepreneur Carlo Castellano, the dean of the Polytechnic School Giorgio Roth and the director of IIT Giorgio Metta will debate with him. The conference will propose a comparison between Genoa and Dresden to show that the difference between the two cities lies, in large part, in politics. As Cuniberti explains, behind the growth of Dresden there was the will of the government of Saxony, which in the 1990s invested "in facilities a billion German marks, five hundred million euros, to attract companies. Many criticized the choice, public money to private companies. But in five years the investment was repaid, with seven billion in revenue from taxes paid by companies that had settled". Genoa, is Cuniberti's opinion, has one of its major resources in the IIT. It's an opinion that is as biased, the professor is on the scientific technical committee of the IIT and states it right away, as it is convinced. "Italy would need several IITs, in different parts of the country. The CNR alone cannot do it, it has too much bureaucracy". The IIT, however, has not yet managed to consolidate that bridge between research and industry that is in its DNA. "Here the direction of the state is fundamental. Industry, on its own, will never finance public research because it knows it will not be able to control it. Only the State can, by putting funding out to tender, promote consortia between companies and research centers on common projects. It is the German model, copied by the European Union. We should copy it more also in Italy".

Translated with www.DeepL.com/Translator (free version)


Original text by Francesco Margiocco

Mezzo milione di abitanti circa, un grande passato industriale, poi la crisi e la crescita della disoccupazione. Potrebbe essere l’identikit di Genova, se non fosse che da quella crisi la città è rinata con gli investimenti nella ricerca che ne hanno fatto un polo scientifico nazionale. La città è Dresda, capitale della Sassonia, nell’ex Germania Est. Lì vive e lavora Gianaurelio Cuniberti, laurea in fisica all’Università di Genova e poi una carriera internazionale. «Ho cominciato da giovane a occuparmi dell’elettronica molecolare, una materia nuova, né chimica, né fisica. È stata la mia start-up intellettuale». Alla Technische Universität, dove dirige un gruppo di sessanta persone, Cuniberti è circondato da un ambiente in continuo fermento. «A Dresda si sono insediate Amd, storica rivale di Intel, Siemens Semiconductors, Bosch due anni fa ha aperto una fabbrica di semiconduttori. Non solo. In quella città c’è la più grande concentrazione di istituti Fraunhofer, centri pubblici di ricerca applicata, e ci sono tre istituti Max Planck, per la ricerca di base». Della sua vita tedesca Cuniberti parlerà oggi alle 16 a un convegno organizzato dall’Associazione Le Radici e le Ali nella sua sede di via dei Giustiniani, 12. Parteciperanno con lui l’imprenditore Carlo Castellano, il preside della Scuola politecnica Giorgio Roth, il direttore dell’Iit Giorgio Metta. Il convegno proporrà un confronto tra Genova e Dresda per mostrare che la differenza tra le due città risiede, in buona parte, nella politica. Come spiega Cuniberti, dietro la crescita di Dresda c’è stata la volontà del governo della Sassonia che negli anni Novanta ha investito «in agevolazioni un miliardo di marchi tedeschi, cinquecento milioni di euro, per attrarre le imprese. Molti criticarono la scelta, denaro pubblico alle imprese private. Ma in cinque anni l’investimento fu ripagato, con sette miliardi di gettito dalle tasse versate dalle imprese che si erano insediate». Genova, è il parere di Cuniberti, ha una delle sue maggiori risorse nell’Iit. È un parere tanto di parte, il professore è nel comitato tecnico scientifico dell’Iit e lo dichiara subito, quanto convinto. «L’Italia avrebbe bisogno di diversi Iit, in diverse parti del Paese. Il Cnr da solo non può farcela, ha troppa burocrazia». L’Iit però non è ancora riuscito a consolidare quel ponte tra la ricerca e l’industria che è nel suo Dna. «Qui è fondamentale la regia dello Stato. L’industria, da sola, non finanzierà mai la ricerca pubblica perché sa che non riuscirà a controllarla. Soltanto lo Stato può, mettendo a gara i finanziamenti, promuovere consorzi tra imprese e centri di ricerca su progetti comuni. È il modello tedesco, copiato dall’Unione europea. Dovremmo copiarlo di più anche in Italia».


Related team member

The "model Dresden" for Genoa

April 1, 2022

GIANAURELIO CUNIBERTI from Technische Universität Dresden.
He will be the the main speaker at symposium of the the Association "Le Radici e Le Ali"

The Dresden model. In this way the Genoa of Saxony is reborn thanks to research

An article by Francesco Margiocco.


Full article

About half a million inhabitants, a great industrial past, then the crisis and the growth of unemployment. This could be the identikit of Genoa, were it not for the fact that from that crisis the city was reborn with investments in research that made it a national scientific center. The city is Dresden, capital of Saxony, in the former East Germany. Gianaurelio Cuniberti lives and works there, a degree in physics from the University of Genoa and then an international career. "I started when I was young to deal with molecular electronics, a new subject, neither chemistry nor physics. It was my intellectual start-up." At the Technische Universität, where he leads a team of sixty, Cuniberti is surrounded by an environment in constant turmoil. "In Dresden, AMD [now GlobalFoundries], Intel's historic rival , Siemens Semiconductors [now Infineon], Bosch two years ago opened a semiconductor factory. Not only that. In that city there is the largest concentration of Fraunhofer institutes, public centers for applied research, and there are three Max Planck institutes, for basic research." Cuniberti will talk about his German life today at 4 p.m. at a conference organized by the Associazione Le Radici e le Ali (The Roots and the Wings Association) at its headquarters in Via dei Giustiniani, 12. The entrepreneur Carlo Castellano, the dean of the Polytechnic School Giorgio Roth and the director of IIT Giorgio Metta will debate with him. The conference will propose a comparison between Genoa and Dresden to show that the difference between the two cities lies, in large part, in politics. As Cuniberti explains, behind the growth of Dresden there was the will of the government of Saxony, which in the 1990s invested "in facilities a billion German marks, five hundred million euros, to attract companies. Many criticized the choice, public money to private companies. But in five years the investment was repaid, with seven billion in revenue from taxes paid by companies that had settled". Genoa, is Cuniberti's opinion, has one of its major resources in the IIT. It's an opinion that is as biased, the professor is on the scientific technical committee of the IIT and states it right away, as it is convinced. "Italy would need several IITs, in different parts of the country. The CNR alone cannot do it, it has too much bureaucracy". The IIT, however, has not yet managed to consolidate that bridge between research and industry that is in its DNA. "Here the direction of the state is fundamental. Industry, on its own, will never finance public research because it knows it will not be able to control it. Only the State can, by putting funding out to tender, promote consortia between companies and research centers on common projects. It is the German model, copied by the European Union. We should copy it more also in Italy".

Translated with www.DeepL.com/Translator (free version)


Original text by Francesco Margiocco

Mezzo milione di abitanti circa, un grande passato industriale, poi la crisi e la crescita della disoccupazione. Potrebbe essere l’identikit di Genova, se non fosse che da quella crisi la città è rinata con gli investimenti nella ricerca che ne hanno fatto un polo scientifico nazionale. La città è Dresda, capitale della Sassonia, nell’ex Germania Est. Lì vive e lavora Gianaurelio Cuniberti, laurea in fisica all’Università di Genova e poi una carriera internazionale. «Ho cominciato da giovane a occuparmi dell’elettronica molecolare, una materia nuova, né chimica, né fisica. È stata la mia start-up intellettuale». Alla Technische Universität, dove dirige un gruppo di sessanta persone, Cuniberti è circondato da un ambiente in continuo fermento. «A Dresda si sono insediate Amd, storica rivale di Intel, Siemens Semiconductors, Bosch due anni fa ha aperto una fabbrica di semiconduttori. Non solo. In quella città c’è la più grande concentrazione di istituti Fraunhofer, centri pubblici di ricerca applicata, e ci sono tre istituti Max Planck, per la ricerca di base». Della sua vita tedesca Cuniberti parlerà oggi alle 16 a un convegno organizzato dall’Associazione Le Radici e le Ali nella sua sede di via dei Giustiniani, 12. Parteciperanno con lui l’imprenditore Carlo Castellano, il preside della Scuola politecnica Giorgio Roth, il direttore dell’Iit Giorgio Metta. Il convegno proporrà un confronto tra Genova e Dresda per mostrare che la differenza tra le due città risiede, in buona parte, nella politica. Come spiega Cuniberti, dietro la crescita di Dresda c’è stata la volontà del governo della Sassonia che negli anni Novanta ha investito «in agevolazioni un miliardo di marchi tedeschi, cinquecento milioni di euro, per attrarre le imprese. Molti criticarono la scelta, denaro pubblico alle imprese private. Ma in cinque anni l’investimento fu ripagato, con sette miliardi di gettito dalle tasse versate dalle imprese che si erano insediate». Genova, è il parere di Cuniberti, ha una delle sue maggiori risorse nell’Iit. È un parere tanto di parte, il professore è nel comitato tecnico scientifico dell’Iit e lo dichiara subito, quanto convinto. «L’Italia avrebbe bisogno di diversi Iit, in diverse parti del Paese. Il Cnr da solo non può farcela, ha troppa burocrazia». L’Iit però non è ancora riuscito a consolidare quel ponte tra la ricerca e l’industria che è nel suo Dna. «Qui è fondamentale la regia dello Stato. L’industria, da sola, non finanzierà mai la ricerca pubblica perché sa che non riuscirà a controllarla. Soltanto lo Stato può, mettendo a gara i finanziamenti, promuovere consorzi tra imprese e centri di ricerca su progetti comuni. È il modello tedesco, copiato dall’Unione europea. Dovremmo copiarlo di più anche in Italia».


Related team member